Lakeside Davenport Fuoco Fuoco Fuoco Fuoco Fuoco Fuoco Fuoco Fuoco
Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia - Premeno Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia - Premeno Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia - Premeno Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia - Premeno

Collettiva

Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia

Villa Bernocchi - Viale G. Marsaglia 7 - Premeno (VB) – 10-17 Luglio 2015

Inaugurazione venerdì 10 luglio 2015 dalle 18.00
Orario: sabato e domenica10.00-12.30 e 14.30-18.30
In settimana: orario di apertura della villa

Storie di passaggio/Utopia - letture
Domenica 12 luglio ore 18.00
Scuderie di Villa Bernocchi (chiesa di San Salvatore in caso di pioggia)
Domenica 19 luglio ore 18.00
Scuderie di Villa Bernocchi (chiesa di San Salvatore in caso di pioggia)

Acqua, Lago, Pesce (Uomo) Storie di Passaggio - Utopia è un progetto artistico in costante evoluzione che nasce dall’incontro di due storie: una legata al percorso plastico delle installazioni di Castiglioni, Davenport, De Piccoli, Mezzadri, Saccani e Sardone l’altra al Progetto Teatro della narrazione interpretato da Ferrante, Leone, Mupo, Nifantani e Travaglini.
La prima è legata alle arti visive, la seconda all’universo letterario della narrazione.

Ciò che le unisce e ci unisce è la comune indagine sul rapporto tra il territorio e la sua rappresentazione, tra l’elemento lago e l’identità dei suoi abitanti, filtrati attraverso la presenza incorporea dell’acqua e il respiro dell’utopia,  sogno perenne del non-ancora realizzato.

Ciò che ne deriva è il tentativo di rappresentare il mistero dell’ essere qui e ora, abitanti di questo luogo, ospiti definitivi o transitori, legati al passato e proiettati verso il futuro. Da un lato l’ inevitabile  ricerca di radici, dall’altro la necessità di espressione del desiderio che sfugge ad ogni definizione già determinata.    Le installazioni evocano il sentimento profondo che lega noi tutti al lago e all’acqua,  elemento primordiale da cui nasce la vita ed elemento contestuale che plasma, levigando, l’identità dei suoi abitanti, tra presenza e assenza, simulacro, luce e ombra.

I racconti narrano storie di personaggi che sul lago hanno incontrato, in un momento della loro vita, la ragione del sogno che libera e appassiona, spingendoli a percorrere le strade del mondo o a ritrovare ragioni per il loro essere nel mondo.

Se qualcosa questo progetto vuole comunicare, è l’amore alla vita come espressione, desiderio, ricerca e possibilità  di plasmare se stessi e il mondo che contribuiamo a far vivere.

Marco Nifantani


Nell'inafferrabile materia, riscopriamo l'essenza Dolce e avida di luce, inghiotte, rapisce e ridona il generoso inganno di mille volti riflessi Mutanti inarrestabili, sommersi e coraggiosi, sfuggenti e luccicanti emergono e si mostrano gli abitanti di questo lago Conquistano una forma asciutta, solidi confini, un breve e illusorio setaccio tra acqua e terra Con sguardi opachi e penetranti, scivolose carezze, cercano il proprio nome e l'immagine allo specchio: tentano un incontro con l'anima, inafferrabile materia

Monica De Piccoli